Buon voto a tutti!

L’Italia al voto tra incertezze e paure. Si è chiusa una campagna elettorale che rischia di riservare sorprese. Per chiunque non basterà solo vincere, ma avere la forza di mettere in piedi un Governo.

Incertezza, speranza, paura. Sono le tre parole che meglio fotografano il voto di domenica, culmine di una campagna elettorale che si è aperta all’insegna del risultato scontato e che si chiude con tanti punti di domanda.

In primis perché – come abbiamo scritto anche pochi giorni fa – per la prima volta il blocco di indecisi non trova e non troverà un indirizzo chiaro prima dell’ingresso in cabina.

È il dato che allarma di più i partiti che compulsano sondaggi e proiezioni che, al netto delle indicazioni sulle singole organizzazioni, su un punto sono tutti d’accordo: a 24 ore dall’apertura dei seggi quel 40% di incerti resta un blocco imperscrutabile.

Un dato che ci permette di fare una prima sommaria analisi di ciò che è stata questa campagna elettorale.

Sin da subito – confortato proprio dai sondaggi – nessuno ha mai messo in dubbio l’evidente vantaggio del Centro-destra e la performance storica che attenderà Giorgia Meloni.

Comunque vada per lei sarà un successo, ma è proprio il tipo di successo che potrà fare o meno la differenza.

La campagna della leader di FdI è stata tutto sommato buona. Focalizzata sul rassicurare tanto l’Italia quanto il mondo, improntata più a gestire il vantaggio che non a promettere questo, quello e quell’altro.

Ciò che però rischia di penalizzarla è la coalizione. Quel Centro-destra che non è riuscito a mantenere – semmai vi fosse stata – una vera unità di intenti.

Salvini soffre l’alleata, non è riuscito a nasconderlo, ma soprattutto, questa volta, pare non aver mai davvero centrato i temi del momento per gli italiani. Si è impuntato su sbarchi, decreti sicurezza, elogio del suo “ministero dell’Interno”, mentre il Paese sentiva altre preoccupazioni. Sull’economia non ha fatto breccia, sul fisco neppure. È quello che arriva più appannato al d- day e che rischia di perdere di più…CONTINUA A LEGGERE